Autore: Claudio Gargano

Claudio Gargano nasce nel 1975, anno de "Lo squalo" e di "Wish You were here", e mangia pane e cinema da quando era in tenera età. I primi ricordi cinematografici sono "I predatori dell’arca perduta" ed "Excalibur", ma sembra che in realtà le sue prime esperienze in una sala risalgano addirittura al primo "Superman" di Richard Donner e a una riedizione di "Biancaneve" di Disney", sebbene lui non ne conservi ricordi coscienti. Nasce come montatore (dai primi esperimenti negli anni’90 con videoregistratori VHS e centralina di montaggio analogica al corso di montaggio al Centro Sperimentale di Cinematografia con Roberto Perpignani, montatore di Bertolucci e dei Taviani). Scrive dirige e monta alcuni cortometraggi, tra cui "Anime nere", che nel 2007 avrà dei passaggi televisivi su La 7 e su Coming soon, una partecipazione al Festival di New York "41° Parallelo 2007", nonché in vari festival italiani. Ha avuto molte esperienze come realizzatore di Backstage sui set cinematografici e al Napoli Film Festival, durante le quali ha realizzato video-interviste a personaggi del cinema come Ennio Morricone, Jonathan Demme, Francesco Rosi, Paolo Sorrentino, Pupi Avati, Sergio Castellitto, Nicola Piovani, Laura Morante, Isabella Rossellini, Matt Dillon, Paolo Virzì, Giorgio Faletti. Nel frattempo si laurea in scienze della comunicazione con una tesi in storia del cinema incentrata su "Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto". Attualmente è un film-maker freelance, impegnato nelle diverse forme dell’universo audiovisivo (video aziendali, spot, documentari, videoclip, video-montaggi per rassegne, video-installazioni) e insegna Video-making nelle scuole come esperto esterno. Parallelamente scrive da sempre di cinema e non solo: intorno ai 30 anni si appassiona alla psicologia archetipica di Carl Gustav Jung e nel 2013 pubblica, all’interno di un volume collettivo intitolato “Delle coincidenze”, un breve saggio sul concetto di sincronicità junghiana declinato al cinema, nella musica rock e nella fisica quantistica intitolato "Jung, i Police, I Ching e QUANT’altro". Nel 2011 pubblica sul periodico a tiratura nazionale "Tutto Digitale" un diario di esperienze dai Backstage cinematografici. Dopo aver pubblicato per qualche anno recensioni cinematografiche (nonché di serie Tv e fumetti) sulla testata napoletana online "Mar dei Sargassi", nel 2021 inizia la collaborazione con la testata nazionale online "Il Meglio di Tutto".

Un'immagine di Star Trek II: L'ira di Khan

Visto il recente exploit del capitano Kirk, al secolo William Shatner, nello spazio a bordo dell’astronave Blue Origin di Mr. Amazon, ovvero Jeff Bezos, non potevamo esimerci dal ripercorrere la storia cinematografica di Star Trek, contemplando sia i film della generazione di Kirk e Spock, sia quelli della Next Generation, nonché i reboot di J.J. Abrams. L’evento ha infatti colpito l’immaginazione di tutti, trekkies e non, rivelando l’importanza simbolica che la saga di Star Trek riveste nell’immaginario collettivo. Andiamo dunque a scoprire la classifica di tutti i film di Star Trek, dal migliore al peggiore. 1. Star Trek II: L’ira…

Continua a leggere

Con il recente successo della serie Netflix Midnight Mass, le prime due stagioni di The Haunting of (Hill House e Bly Manor), nonché con due adattamenti kinghiani ufficiali all’attivo e una nuova serie in arrivo dedicata ai racconti di Poe, il regista e sceneggiatore Mike Flanagan si avvia a diventare ormai il re del gotico moderno. Diciamo gotico e non horror perché le opere dell’autore di Hill House non si basano su scene violente ed eccessi di gore ma bensì sull’attualizzazione e l’aggiornamento di archetipi del genere gotico, intendiamo soprattutto in letteratura, inseriti in contesti attuali e resi metafore di…

Continua a leggere

Si potrebbe affermare che il genere survival al cinema non esista autonomamente, se non come sotto-genere all’interno di altri macro-generi che comprendono per esempio l’avventura, l’horror e la fantascienza. Eppure, soprattutto negli ultimi decenni, si è sempre più consolidata l’abitudine di usare il termine survival per descrivere film in cui uno o più personaggi si trovano in situazioni ambientali estreme, spesso in luoghi dove la natura selvaggia e incontaminata domina ancora incontrastata. La lotta per la sopravvivenza costituisce il motore principale di queste vicende. Il survival è in realtà un’intersecazione di diverse modalità narrative che possono essere ascritte a più…

Continua a leggere

“La forza mia è il pubblico!”. Così urla Eduardo Scarpetta/Toni Servillo alla famiglia sbigottita in una scena importante di Qui rido io, il nuovo film di Mario Martone applauditissimo alla 78° Mostra del Cinema di Venezia dove è stato presentato in Concorso. Un’opera che racconta una specifica fetta di vita dell’autore di Miseria e nobiltà, padre naturale dei fratelli Eduardo, Titina e Peppino De Filippo. Una delle forze del film è proprio quel pubblico che si vede stipato nel teatro Valle, riportato a come era agli inizi del Novecento. Il pubblico teatrale che ride, partecipa ed eventualmente contesta ciò che…

Continua a leggere

Mentre sale la spasmodica attesa per il kolossal fantascientifico di Denis Villeneuve Dune, che proprio oggi viene presentato al Festival di Venezia e che sarà distribuito nelle sale italiane il 16 Settembre, andare a vedere il documentario Jodorowsky’s Dune di Frank Pavich, già presentato a Cannes 2013 e in uscita per la prima volta nei cinema italiani il 6 Settembre, potrebbe essere un ottimo modo per avvicinarsi al mondo ideato da Frank Herbert, da una prospettiva inedita e sorprendente. Se molti conoscono infatti la precedente trasposizione cinematografica del romanzo cult di Herbert ad opera di David Lynch, forse non tutti…

Continua a leggere

Oggi, 8 Agosto, è il compleanno di The Edge (60 candeline!), chitarra nonché colonna portante degli U2. Se Bono Vox, con i suoi testi, la sua voce e il suo carisma è da sempre l’anima della band, The Edge (in realtà Dave Evans) ne costituisce l’ossatura, il corpo. Con la sua chitarra egli ha saputo costruire nei decenni un suono inconfondibile e originale che ha influenzato tanta musica rock dagli anni’80 in poi. Il soprannome del musicista non è casuale: la parola Edge rimanda al bordo tagliente di una qualche superfice e infatti la sua chitarra è famosa per produrre…

Continua a leggere

È stato spesso detto che il cinema di Kathryn Bigelow è più ‘testosteronico’ dei suoi colleghi maschi, ma ridurre le qualità dell’autrice di Strange days e Hurt Locker a questo sarebbe a dir poco riduttivo, se non offensivo. Il cinema ‘muscolare’ (altro termine spesso abusato) della Bigelow non va inteso come mera esibizione di eroi ed eroine d’azione impegnati in inverosimili battaglie contro forze soverchianti, ma bensì come un intenso tour de force, fisico ed emotivo, attraverso cui i suoi personaggi mettono in discussione il loro mondo e la loro identità per arrivare ad una consapevolezza superiore, o comunque più…

Continua a leggere

L’uomo in nero fuggì nel deserto e il pistolero lo seguì. Tutto nasce da qui, da questo folgorante incipit con cui Stephen King diede l’avvio ad una delle saghe più belle e appassionanti mai lette da chi scrive. È uno strano destino quello de La Torre nera, saga in 7 volumi (più uno), pubblicata dal Maestro del brivido nell’arco di ben 22 anni (anche se, come vedremo, la lavorazione richiederà più tempo), dal 1982, anno di pubblicazione de L’ultimo Cavaliere fino all’ultimo volume dato alle stampe nel 2004, e spesso evitata dagli stessi fan del Re perché non strettamente horror.…

Continua a leggere
Una scena di Signs

Negli ultimi due decenni è stato sinonimo di thriller soprannaturali dai finali a sorpresa e, per un certo periodo, è stato ingiustamente ignorato da pubblico e box-office. Il nome di M. Night Shyamalan (pseudonimo di Manoj Nelliyattu Shyamalan) viene inevitabilmente associato a twist narrativi imprevedibili che, nel finale di un film, ne ribaltano il senso, invitando lo spettatore a rivederlo da un punto di vista completamente diverso. Questo ha costituito spesso il suo marchio autoriale facilmente riconoscibile, una poetica e uno stile che si sviluppano secondo linee precise, facendone uno degli autori di thriller, spesso a sfondo soprannaturale, ma non…

Continua a leggere

Visto l’appeal per nulla commerciale, crediamo purtroppo che durerà molto poco al cinema The Book of Vision, film scritto e diretto da Carlo Hintermann e presentato a Venezia 2020, passato prima attraverso le piattaforme on demand e che finalmente ha trovato la via della distribuzione nelle sale a partire dall’8 luglio. Ed è un peccato perché, se gli darete una chance verrete ricompensati con una visione potente, incastonata in un film certamente perfettibile, ma dalla limpida e cristallina fiducia nella forza delle proprie immagini e del mondo che ne scaturisce fuori. Prima di dirvi 6 buoni motivi per andarlo a…

Continua a leggere

Per chi, dopo aver visto C’era una volta a Hollywood, fosse rimasto con la curiosità di sapere se Cliff Booth (Brad Pitt) avesse realmente ucciso la moglie oppure di sapere tutta la verità riguardo la mancata partecipazione di Rick Dalton a La grande fuga, il romanzo omonimo pubblicato da Quentin Tarantino, in contemporanea mondiale il 1 Luglio, ha fatto luce su questi e altri possibili interrogativi rimasti senza risposta. Ovviamente non si tratta solo di questo: con la scrittura del romanzo, il cineasta di Knoxville ha voluto riprendere dei personaggi ai quali è molto affezionato e approfondirne il background, svelarne lati…

Continua a leggere
Una scena di The Dreamers

A 50 anni esatti dalla morte di Jim Morrison, avvenuta il 3 Luglio 1971, la musica onirica e ipnotica dei Doors, nonché l’aura selvaggia e inquietante del loro frontman ancora gonfiano i cuori delle nuove generazioni di impeti ribelli e connotazioni maledette. C’è chi lo ha definito un ubriacone senza talento, chi invece lo ha idolatrato a oltranza; ciò che è sicuro è che la breve vita di James Douglas Morrison, morto a 27 anni, non è passata inosservata nel corso del ventesimo secolo ma, come lo spirito di un potente sciamano, il suo richiamo è ancora forte persino dall’aldilà,…

Continua a leggere
Fuga da New York, poster

“Chiamami Jena”, con queste laconiche parole esordiva esattamente 40 anni fa uno dei personaggi più riusciti e iconici della storia del cinema, in quel gioiello filmico carpenteriano che era 1997: fuga da New York (Escape from New York) che proprio il 26 giugno 1981 fu presentato in un evento speciale a St. Louis in Missouri (location dove fu effettivamente girato il film), prima della distribuzione sul territorio americano che iniziò il 10 luglio e dopo una prima proiezione, il primo aprile, allo USA Film Festival. Il personaggio di Jena Plissken, in originale Snake, fu sparato direttamente nell’immaginario cinematografico mondiale da…

Continua a leggere

Nello scrivere questo articolo dedicato ai 40 anni de I predatori dell’arca perduta (distribuito nelle sale americane il 12 Giugno 1981), pellicola che diede vita alla saga dell’archeologo col cappello e la frusta, è impossibile non tenere conto dell’impatto che questo film ebbe sull’immaginario di ognuno, ridefinendo il genere del cinema di avventura e coniando perfino un aggettivo: “alla Indiana Jones”. Sfidiamo chiunque a non sorridere con affetto non appena si odono le prime note della celebre marcia de I predatori, composta da quel genio di John Williams. Siamo anche sicuri che qualunque fan di Indy avrà aspettato il momento…

Continua a leggere

Prima di partire per una galassia lontana lontana, o di farci provare nostalgia per i favolosi fifties con American Graffiti (1973), George Lucas stupì tutti con il suo lungometraggio di esordio (distribuito in America nel 1971) L’uomo che fuggì dal futuro un piccolo film fantascientifico girato con pochi mezzi e molta inventiva che quest’anno compie 50 anni ma che, per la spericolatezza linguistica, per l’impianto squisitamente sperimentale, per la lungimiranza con cui costruì quel mondo distopico, ancora oggi rimane un caposaldo del genere. La trama In un imprecisato futuro il genere umano vive in una città sotterranea dove gli individui…

Continua a leggere

Le bellissime immagini del teaser trailer della versione di West Side Story diretta da Steven Spielberg che abbiamo potuto ammirare durante la notte degli Oscar, ci ricordano che proprio quest’anno il musical diretto da Robert Wise e Jerome Robbins (che si occupò delle coreografie), distribuito nel 1961, compie 60 anni. Che un maestro riconosciuto della settima arte come Spielberg abbia realizzato nel 2020 (il film era già pronto ma è stato rimandato a Dicembre 2021 per ovvie ragioni) un remake di West Side Story rende l’idea di quanto il film, adattato dallo sceneggiatore Ernest Lehman dall’omonimo musical, abbia segnato l’immaginario…

Continua a leggere
Vivere e morire a Los Angeles, una scena del film

Il 24 Aprile del 1986 usciva nelle sale italiane Vivere e morire a Los Angeles, thriller poliziesco che, insieme con Manhunter, costituisce una doppietta incredibile per innovazione, sperimentazione e spericolata virata artistica del linguaggio cinematografico all’interno di un genere altamente codificato come il crime-movie. Anche il film di Friedkin, come quello di Mann (successivo di un anno), rimarrà un caso quasi isolato perché non riuscì a fare propriamente scuola, tanto fu personale e dirompente il modo in cui veniva raccontata una storia poliziesca. Non solo per il come è stato narrato ma anche per il cosa: la stessa trama del…

Continua a leggere
Una scena di Excalibur

“Anal nathrakh, urth vas bethud, dokhjel djenve!” Pronunciando queste parole magiche, i personaggi dello spielberghiano Ready player one riuscivano ad attivare oppure ad abbattere la barriera che impediva l’accesso alla fase finale del film o, se vogliamo, all’ultimo livello del gioco. Se dunque l’incantesimo della Magia del fare coniato in Excalibur è stato citato in quel fantasmagorico calderone pop che era il film di Spielberg del 2018, vuol dire che in qualche modo la pellicola di John Boorman del 1981 con cui venivano rivisitate le leggende arturiane è entrata nell’immaginario collettivo. Non dimentichiamo la parodia che ne fece anche il…

Continua a leggere

Nel 1986, mentre in Italia non sapevamo neanche cosa fosse un profiler o cosa significasse stilare il profilo psicologico di un criminale seriale per prevenirne le mosse e catturarlo, Michael Mann realizzava Manhunter – frammenti di un omicidio, uno dei migliori crime-thriller-noir degli anni Ottanta, che uscì nelle sale italiane il 27 Marzo 1987. Non solo Manhunter pone le basi per tutto il futuro sotto-genere dei thriller legati ai serial killer, ma il film di Mann spazza via il crime-movie tradizionale, fatto di indagini, sparatorie ed inseguimenti raffreddandolo, sia come ritmo che come messa in scena. Non ci si lasci…

Continua a leggere
Una scena di Zack Snyder's Justice League

È da troppo tempo che abbiamo perso il rito, sacrale per molti noi, della sala cinematografica. L’entrata in una dimensione altra, oscura, uterina, in cui si condivide con altri sconosciuti l’esperienza di storie in sequenze audiovisive, raccontate da un fascio di luce che squarcia quell’oscurità regalandoci emozioni ed empatie con personaggi inesistenti, o quasi, è ormai un miraggio in questi tempi pandemici. Un film come Zack’s Snyder Justice League sarebbe stato certamente l’evento da non perdere, se i cinema fossero stati aperti. Viene certamente da chiedersi se sarebbe stata possibile una distribuzione cinematografica di questa stessa versione di 4 ore…

Continua a leggere