43 migliori film da vedere del 2022 (giugno 2022)

di Redazione IlMeglioDiTutto.it
2 commenti
CODA - I segni del cuore

Le sale cinematografiche saranno anche in crisi, ma al di là di tutto una cosa è certa: che si tratti di vederli al cinema o in streaming, i bei film non mancano mai. Se già lo scorso anno abbiamo scelto di accompagnarvi con una nostra guida mensile (leggi qui le nostre scelte per i migliori film del 2021), quest’anno abbiamo deciso di lavorare a questa nostra guida costantemente, offrendovi una lista sempre aggiornata di tutto quello che davvero merita di essere visto. Senza ulteriori indugi, ecco a voi i migliori film da vedere del 2022.

1. Matrix Resurrections

Questo strambo 2022 è iniziato con Keanu Reeves che ritorna nella Matrice e che si interroga sulla sua vita e sulla stessa natura: è realtà o fantasia? È forse la stessa domanda che recentemente ci siamo posti più di una volta, anche noi in qualche modo intrappolati in bizzarri loop, ma almeno in questo Matrix Resurrections c’è anche tanta sana azione da permetterci di distrarci dalla realtà. E rituffarci nuovamente in quell’universo che, nel 1999, ha cambiato per sempre il modo di fare cinema. Diretto dalla sola Lana Wachowski, questo quarto capitolo è al tempo stesso un sequel e un reboot, ma anche una critica a questa crescente moda di realizzare sequel e reboot. Un film coraggioso e divisivo, che merita di essere visto e analizzato a lungo, esattamente come è stato per i precedenti capitoli.

2. Un eroe

L’iraniano Asghar Fahradi, già due volte premio Oscar, è tra i maggiori autori contemporanei e questo suo nuovo film, che segna il ritorno in patria dopo le parentesi europee, ne è l’ennesima dimostrazione. Un eroe parte da una storia apparentemente semplice, quella di un uomo che trova una borsa piena d’ora e sceglie di restituirla invece che tenere il bottino per se stesso, ma ben presto rivela una trama sempre più articolata e ricca di spunti e dilemmi morali che diventa una lucidissima riflessione sul mondo di oggi. Alla sceneggiatura pressoché perfetta si aggiunge una grande interpretazione del protagonista Amir Jadidi e una regia ispirata e con momenti di vera e propria poesia.

3. 4 metà

Esiste davvero l’anima gemella? A rispondere a questa domanda in modo definitivo prova questo nuovo ambizioso film tutto italiano di Netflix, 4 metà. Interpretato da giovani attori nostrani di grande talento quali Ilenia Pastorelli, Matteo Martari, Matilde Gioli e Giuseppe Maggio, e diretto da Alessio Maria Federici, questa originale commedia romantica è stata uno dei film più visti di inizio anno sulla piattaforma streaming per eccellenza, grazie al passaparola positivo di molti utenti e la tanta curiosità suscitata soprattutto dall’enigmatico finale.

4. The King’s Man – Le origini

Terzo capitolo della saga action tratta dai fumetti “The Secret Service” di Mark Millar e Dave Gibbons, questo The King’s Man – Le origini è a tutti gli effetti un prequel ambientato durante la prima guerra mondiale. E, come si può intuire dal titolo, ci racconta della nascita dell’agenzia di intelligence che abbiamo imparato ad amare ma anche di un’incredibile avventura che unisce la Storia (come la Rivoluzione Russa e l’assassinio dell’Arciduca Ferdinando che diede il via alla Grande Guerra) e la fantasia (si veda il personaggio del “mistico” Rasputin). Nel cast Ralph Fiennes, Gemma Arterton, Rhys Ifans e Matthew Goode, ma attenzione anche ad alcuni camei davvero gustosi.

5. Il bar delle grandi speranze

Tratto dal romanzo omonimo di J.R. Moehringer, Il bar delle grandi speranze (The Tender Bar) è il nuovo film diretto da George Clooney, interpretato da Tye Sheridan, Ben Affleck, Lily Rabe e Christopher Lloyd. La storia è quella autobiografica del giovane J.R. che sogna di diventare un avvocato ma nel frattempo deve fare i conti con una situazione complicata a casa. Il suo punto di riferimento sarà lo zio Charlie, proprietario di un bar.

6. America Latina

Opera terza dei fratelli Fabio e Damiano D’Innocenzo, dopo i premiati La terra dell’abbastanza e Favolacce, questo America Latina ha diviso pubblico e critica alla scorsa Mostra di Venezia per la sua natura fortemente autoriale e criptica. Il protagonista assoluto del film è Elio Germano, che interpreta un dentista di provincia la cui vita apparentemente perfetta viene sconvolta da un orrorifico ritrovamento nello scantinato della sua villa. Potremmo definirlo un thriller psicologico, ma è soprattutto un grande esempio di cinema d’autore che rifugge l’immediatezza e il banale ma chiede agli spettatori di interrogarsi su quello che hanno appena visto. E su loro stessi.

7. È andato tutto bene

Presentato la scorsa estate al Festival di Cannes, questo È andato tutto bene è il nuovo film del regista e sceneggiatore francese François Ozon. Tratto da un romanzo autobiografico di Emmanuèle Bernheim, la storia ha come protagonista una donna che si trova nella difficile situazione di dover esaudire l’ultima volontà del padre rimasto paralizzato dopo un ictus e aiutarlo a morire. A guidare il cast uno straordinario André Dussollier e una Sophie Marceau più brava che mai.

8. Una famiglia vincente – King Richard

Un intenso biopic che racconta la vita e le scelte di Richard Williams, padre delle giovanissime Venus e Serena, future star del tennis mondiale. Al di là dell’incredibile storia vera, il cuore pulsante del film è l’incredibile interpretazione di Will Smith, già premiato con il Golden Globe per questo ruolo e che ora punta tutto sull’Oscar come miglior attore protagonista.

9. Scream

Si intitola solo Scream, esattamente come il film cult di Wes Craven del 1996, ma è a tutti gli effetti un nuovo sequel e quindi il quinto capitolo di una delle saghe horror più amate degli ultimi decenni. Tornano infatti i protagonisti storici quali Neve Campbell, David Arquette e Courteney Cox, a cui si aggiungono tanti nuovi volti quali Melissa Barrera, Dylan Minnette, Jenna Ortega, Jack Quaid, Kyle Gallner e tanti altri. Chi sarà il nuovo sconvolgente killer? Noi lo sappiamo ma ovviamente non ve lo diciamo! Anzi vi consigliamo di non spoilerarvi nulla e godervi al meglio questo nuovo film ricchissimo di sorprese!

10. Macbeth

Ha ancora senso riportare al cinema – o, come in questo caso, sugli schermi di Apple TV+ – una delle tragedie più note di William Shakespeare? La risposta è certamente positiva se si tratta del nuovo lavoro di Joel Coen, regista di enorme talento (per la prima volta da solo e senza l’aiuto del fratello Ethan) che è stato in grado di mettere insieme un cast davvero impressionante. Tutto girato in uno splendido ed elegantissimo bianco e nero, grazie all’immensa bravura di Denzel Washington e Frances McDormand, questo The Tragedy of Macbeth è tra le visioni migliori di questo inizio anno.

11. La fiera delle illusioni – Nightmare Alley

Tratto dal romanzo noir di William Lindsay Gresham, già portato sullo schermo nel 1947 con l’omonimo film di Edmund Goulding, questo La fiera delle illusioni rappresenta il ritorno al cinema del cineasta messicano Guillermo del Toro dopo gli Oscar vinti per La forma dell’acqua. La trama vede come protagonista Stan Carlisle, un giostraio ambizioso e manipolatore che incontra la dottoressa Lilith Ritter, una psichiatra ancora più pericolosa di lui, negli anni ’40. Ma in realtà è un film che sembra parlare a noi spettatori di oggi e raccontarci un modo fatto di illusioni e imbrogli, vanità e menzogne. Alla splendida ed elegante regia di DelToro si aggiunge un cast prestigioso guidato da Bradley Cooper e Cate Blanchett ma che può contare anche su tanti nomi e volti noti del calibro di Toni Collette, Willem Dafoe, Richard Jenkins, Rooney Mara, Ron Perlman e David Strathairn.

12. Gli occhi di Tammy Faye

Le vicende dei telepredicatori Tammy Faye Bakker e Jim Bakker che all’inizio degli anni ’70 fondarono il più importante network televisivo religioso americano, con milioni di fedelissimi e devoti spettatori, e poi furono travolti da scandali finanziati e sessuali. Gli occhi di Tammy Faye è un biopic piuttosto classico nella struttura che deve tantissimo della sua riuscita non solo all’incredibile storia vera a cui fa riferimento ma anche alla bravura della protagonista Jessica Chastain, aiutata da un trucco prostetico tale da renderla quasi irriconoscibile. Sia la Chastain che i truccatori sono stati candidati all’Oscar.

13. Marry Me – Sposami

Se siete appassionati di commedie romantiche, questo Marry Me – Sposami potrebbe sorprendervi positivamente. Anche nel film Jennifer Lopez interpreta una pop star di enorme successo prossima alle nozze, ma una volta che scopre di essere stata tradita decide di sposare in modo impulsivo un tizio a caso preso dal pubblico del suo concerto. Il fortunato è interpretato da Owen Wilson, ordinario e tranquillo insegnante di matematica, ed è proprio da questa strana coppia che nasce una straordinaria sinergia che trasforma il film di una delle romcom più piacevoli da molto tempo a questa parte.

14. Assassinio sul Nilo

Non si è ripetuto l’incredibile e inaspettato successo del capitolo precedente, ma in ogni caso il giallo diretto e interpretato da Kenneth Branagh e ancora una volta ispirato ad un romanzo di Agatha Christie non deluderà gli appassionati del genere. Il detective Hercule Poirot questa volta si trova ad indagare durante una romantica luna di miele, in crociera in Egitto e anche questa volta il cast è d’eccezione: Gal Gadot, Armie Hammer, Annette Bening, Emma Mackey, Rose Leslie, Tom Bateman e tanti altri.

15. Ennio

Passiamo invece ad un vero e proprio capolavoro, un documentario che sta conquistando pubblico e critica di tutto il mondo fin dallo scorso Festival di Venezia. Con Ennio il regista Giuseppe Tornatore racconta uno dei più grandi compositori dello scorso secolo, quell’Ennio Morricone che tutto il mondo conosce e ha imparato ad amare grazie alle sue opere per il cinema. Ma in queste due ore e mezza di durata c’è davvero di tutto: il cinema, la musica leggera, una straordinaria intervista al compositore poco prima della sua morte, interventi di amici e colleghi. Ma soprattutto c’è un amore infinito per l’arte, che emoziona e commuove in più occasioni e che, una volta finito, ti fa venire voglia di rivederlo da capo.

16. Uncharted

Ispirato alla celebre saga di videogiochi per Playstation, questo Uncharted ha come protagonista il giovane avventuriero Nathan Drake e il suo mentore Victor Sullivan, entrambi alla ricerca di un misterioso tesoro nascosto addirittura da Ferdinando Magellano molti secoli prima. Tantissima azione in giro per il mondo, molto divertimento, il tutto sempre in bilico tra Indiana Jones e Lara Croft: sarà forse solo il primo capitolo di una nuova saga di successo? Per ora è ancora troppo presto per dirlo, ma di certo i due protagonisti Tom Holland e Mark Wahlberg insieme funzionano piuttosto bene e il pubblico sembrerebbe aver gradito.

17. Belfast

Ancora Kenneth Branagh, questa volta solo dietro la macchina da presa per il suo film più autobiografico e forse anche il suo più bello in assoluto. Candidato a ben 7 premi Oscar – tra cui miglior film, regia e sceneggiatura – Belfast racconta dell’infanzia del regista nel Nord dell’Irlanda durante le rivolte del 1969. Girato in un elegantissimo bianco e nero, tutto il film è visto e raccontato attraverso gli occhi di un bambino di 9 anni, a metà tra l’onirico e il realistico. Insieme allo straordinario e giovanissimo protagonista Jude Hill un cast perfetto: Caitríona Balfe e Jamie Dornan nei panni dei genitori, Judi Dench e Ciarán Hinds (entrambi candidati dall’Academy) in quelli dei nonni.

18. The Batman

Possibile che ci sia ancora qualcosa di nuovo da dire sull’abusatissimo personaggio di Batman? Il regista Matt Reeves ci dimostra di sì, è possibile; quantomeno se si sceglie la strada del thriller alla David Fincher e si abbandonano l’epica supereroristica di Zack Snyder o il divertimento pop della Marvel. Il Batman di Robert Pattinson è un vero e proprio detective, chiamato ad indagare sugli omicidi perpetrati dal folle Enigmista (uno straordinario Paul Dano), aiutato solo dal Detective Gordon (Jeffrey wright) e dalla misteriosa e affascinante Selina (Zoe Kravtiz). Il film è stato un grande successo al botteghino e a questo punto apre la strada per un nuova saga/trilogia.

19. Red Rocket

Mikey Saber, pornostar in disgrazia, lascia Los Angeles e ritorna a casa in Texas dall’ex moglie promettendo di cambiare vita. Incontra però Strawberry, giovanissima cassiera di un negozio di dolci in cui vede subito un grande potenziale per un ritorno da vincitore nel mondo del porno. Inutile aggiungere che proprio qui inizieranno i guai…
Il regista Sean Baker, autore di cult del cinema indie USA, ci regala una commedia divertente e originale che al tempo stesso critica la società e il sogno americano. Menzione d’onore per i due protagonisti: l’eccezionale Simon Rex che regge da solo gran parte del film e l’esordiente Suzanna Son, un irresistibile mix di dolcezza e sensualità.

20. Cyrano

Diretto dall’inglese Jow Wirght (Espiazione, Anna Karenina) questo Cyrano è l’adattamento cinematografico dell’omonimo musical di Erica Schmidt, a sua volta tratto dalla celebre commedia Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand. Questa volta il Cyrano del titolo non ha un naso lunghissimo ma è affetto da nanismo: a interpretarlo c’è l’ottimo Peter Dinklage, ad una delle performance più emozionanti della sua carriera. Oltre che per le belle canzoni (ad opera dei The National) e coreografie, e le convincenti interpretazioni, il film merita di essere visto anche per le splendide scenografie e costumi. Oltre che per il fatto di essere stato girato completamente in Italia, più precisamente a Noto, in Sicilia, e sulle pendici dell’Etna.

21. Red

Mei Lee è una tredicenne cino-canadese studiosa e obbediente che, ogni giorno dopo la scuola, aiuta la madre Ming ad organizzare le visite dei turisti al tempio di famiglia. Perennemente combattuta tra l’essere una figlia modello e una normale adolescente, una mattina Mei si ritrova alle prese con una scoperta scioccante: in seguito a una forte emozione repressa, infatti, la ragazza si trasforma in un gigantesco panda rosso. Un ingombrante e vistoso inconveniente causato da un’antica maledizione che inizia a manifestarsi ogni volta che la gioia o i turbamenti hanno la meglio su di lei. Red, 25° lungometraggio d’animazione targato Pixar, è un racconto di formazione incentrato sulle trasformazioni fisiche e psicologiche del periodo adolescenziale, capace di normalizzare, attraverso l’uso dell’umorismo, il senso di inadeguatezza e di disorientamento tipici della pubertà.

22. Flee

Flee è un caso più unico che raro, un film che ha ricevuto dall’Academy con ben 3 nomination agli Oscar, in tre categorie molto differenti: miglior film d’animazione, miglior documentario e miglior film straniero (per la Danimarca). Un record assoluto che conferma l’eccezionalità del prodotto, amatissimo dalla critica fin dalla premiere al Sundance Film Festival 2021. Il film racconta la storia di Amin, un profugo fuggito giovanissimo da Kabul per trovare rifugio a Copenaghen e che per gran parte della sua vita ha deciso di nascondere a tutti, anche agli amici e al suo fidanzato, il suo drammatico passato.

23. Licorice Pizza

Nella San Fernando Valley degli anni ’70, un adolescente con un’avviata carriera da attore, Gary (Cooper Hoffman), incontra e inizia a corteggiare Alana (Alana Kane), venticinquenne che lavora come assistente di un fotografo. Nonostante i dieci anni di differenza, Gary e Alana sono irresistibilmente attratti l’uno dall’altra e, pur non riuscendo a definire i contorni del loro rapporto, i due diventano sempre più complici. Scritto e diretto da Paul Thomas Anderson, Licorice Pizza è un coming of age caloroso e vitale che accompagna lo spettatore in un nostalgico viaggio attraverso l’America degli anni Settanta, tra dischi in vinile e fast food consumato in macchina. Il film, in bilico tra commedia e dramma, può contare sulla brillante e fresca performance dei due attori esordienti, ma anche sulla presenza di interpreti del calibro di Sean Penn e Bradley Cooper.

24. Moonfall

Nell’anno 2011, tre astronauti impegnati su uno shuttle spaziale vengono travolti da una specie di “sciame nero”. I due che si trovano all’interno della navicella si salvano, il terzo muore e la NASA tenta di insabbiare la vicenda archiviandola come un errore umano. Dopo 10 anni, un giovane complottista appassionato di astronomia, nota che la Luna cambia la propria orbita attorno alla Terra e diffonde la notizia in rete, dicendosi convinto che il nostro satellite sia una mega struttura artificiale, ma ovviamente non viene creduto. La NASA, non potendo coprire la notizia, manda tre astronauti sulla Luna, che però vengono prontamente uccisi dallo stesso sciame che aveva travolto i loro colleghi all’inizio del film.
Roland Emmerich è tornato ed è sempre garanzia di intrattenimento e film spettacolari e avvincenti. Dopo averci regalato le glaciazioni, le invasioni aliene e le profezie Maya più avvincenti della storia del cinema, con Moonfall il regista di Independence Day ci porta in missione sulla Luna, tra sciami neri, cospirazioni e minacce incombenti. Il film conta su un cast guidato da Halle Berry, Patrick Wilson e John Bradley. Se vi piace il genere, potreste dare un’occhiata al nostro articolo sui migliori film recenti ambientati nello spazio.

25. Ambulance

Remake dell’omonimo film danese, Ambulance ci regala un Michael Bay “stranamente” in vena di esagerazioni. Tutto parte da un’idea forte, il tipico high concept che si racconta in pochi minuti: due rapinatori sequestrano un’ambulanza con dentro un’infermiera e un agente di polizia gravemente ferito. Ha così inizio un lungo e disperato inseguimento tra le strade di un’assolata Los Angeles. Ritmo forsennato, adrenalina e lampanti riferimenti all’immaginario western. Ambulance rispolvera il mito americano confermando il fascino dei fuorilegge che provano a beffare il sistema.

26. I segni del cuore (CODA)

CODA – I segni del cuore è il film di Sian Heder che agli Oscar 2022 ha vinto tre premi, tra cui quello per il miglior film. Si tratta di una dramedy che ha il suo punto di forza nella semplicità della storia e nella straordinaria interpretazione di Emilia Jones, che veste i panni di una ragazza che ha entrambi i genitori e il fratello sordi. Una situazione familiare particolare che crea qualche difficoltà alla protagonista, soprattutto a livello di integrazione con i suoi compagni di scuola. Ironicamente, CODA è anche un film che ha una spiccata componente musicale e ha conquistato il pubblico anche per le sue canzoni. Accanto alla Jones (che nel film canta un brano di Joni Mitchell) troviamo i premi Oscar Troy Kotsur e Marlee Matlin (Kotsur è stato premiato proprio nel 2022, mentre Matlin, anche lei sorda, vinse negli anni ’80 per Figli di un Dio minore).
Molti si sono chiesti se CODA è tratto da una storia vera: non lo è, ma è il remake di un film francese del 2014, La famiglia Bélier. Se dopo il film volete saperne di più sulla lingua dei segni, non perdetevi il nostro articolo su come comunicare con le persone sorde.

27. Parigi, 13Arr. (Les Olympiades)

Dopo essere passato in concorso a Cannes nel luglio del 2021, finalmente è arrivato anche nelle sale italiane il nuovo film di Jacques Audiard, uno dei migliori registi europei contemporanei. Parigi, 13Arr, come dice il titolo, è tutto ambientato in un quartiere di Parigi (detto anche Les Olympiades) e racconta del triangolo amoroso ed “erotico” formato dalla cino-parigina Emilie che lavora in un call center, l’insegnante di origini africane Camille e la trentenne Nora, appena sbarcata a Parigi e senza amici o conoscenze. Fotografato in un elegante e suadente bianco e nero, il film racconta la precarietà, tanto lavorativa quanto amorosa, delle ultime generazioni.

28. Spencer

Mettiamo subito le cose in chiaro: se vi aspettate un film biografico su Lady Diana che sia convenzionale e storicamente inappuntabile, allora Spencer non fa per voi. Pablo Larrain, che negli ultimi anni ha rielaborato altre figure femminili iconiche come Jackie Kennedy, racconta Diana Spencer attraverso il suo punto di vista, affidandosi a Kristen Stewart. Il regista colloca la storia del film in un breve lasso di tempo, quello delle festività natalizie trascorse dalla Principessa del Galles e dalla Famiglia Reale a Sandrigham. Diana prende vita sullo schermo con le sue fragilità e la sua forza, in un momento cruciale della sua vita in cui decide di divorziare dal Principe Carlo, il padre dei suoi figli.
Negli ultimi anni il personaggio di Lady D. è tornato a rivivere attraverso diverse incarnazioni cinematografiche e televisive, e quella di Kristen Stewart (candidata agli Oscar 2022) insieme a quella di Emma Corrin per The Crown sono tra le più convincenti. A patto che lo spettatore sia disposto ad accoglierle in vesti che esulano dall’immaginario personale e collettivo.

29. Morbius

Quanto sangue scorre nelle vene di Spider-Man? Perché la Sony ha voglia di berne a volontà, come un parassita che vuole nutrirsi della popolarità altrui. Dopo i clamorosi successi commerciali di Venom, Morbius si mette sulla scia per alimentare l’universo narrativo dedicato ai villain dell’Uomo Ragno. Un film che prometteva atmosfere cupe e toni introspettivi, ma si è rivelato un maldestro thriller in cui la linea comica stona totalmente con i presunti intenti del film. Un cinecomic che per messa in scena e ingenuità ricorda davvero quelli ingenui e grezzi dei primi anni Duemila.

30. Lamb

Una coppia vive isolata nella sua fattoria. La vita scorre placida, scandita dalla solita routine. Poi il colpo di scena: in famiglia arriva una figlia a dir poco inaspettata. Inaspettata e molto, molto strana. Il tutto immerso nelle vaste lande di un’Islanda splendida e isolata dal mondo. Raccontare Lamb non è facile, perché l’esordio di Valdimar Jóhannsson cammina su un filo sospeso tra più generi: il thriller familiare, l’horror surreale e persino qualche sprazzo di commedia grottesca. Il tutto messo in scena con grande cura e buone dosi di straniamento.

31. C’Mon C’Mon

Diretto da Mike Mills, C’mon C’mon è un film che provoca nello spettatore un forte coinvolgimento emotivo, raccontando la storia di uno zio e di suo nipote che passeranno del tempo insieme e si scopriranno sempre più uniti. Johnny (Joaquin Phoenix) è un documentarista famoso per le sue interviste ed i suoi podcast molto puntuali sulla società americana; un giorno – sotto richiesta della sorella che si deve prendersi cura del marito malato – accetterà di occuparsi per un periodo di suo nipote Jesse (Woody Norman). Johnny porterà Jesse in uno dei suoi viaggi, da Los Angeles a New York e poi New Orleans: durante la convivenza on the road, i due stringeranno un rapporto sempre più forte, aiutandosi a vicenda a superare tutte le difficoltà.

Girato in un elegante bianco e nero, C’mon C’mon è un racconto delicato e profondo sul senso della genitorialità, infuso di una grande speranza per il futuro e nelle nuove generazioni.

32. Sonic 2 – Il film

Se il primo Sonic – Il film ha spianato la strada, questo Sonic 2 la percorre a tutta velocità. Incredibile ma vero: finalmente un saga tratta da un videogioco che riesce a non sfigurare. Anzi, riesce persino a fare le cose per bene, dosando come si deve divertimento, citazioni e ammiccamenti ai fan. In questo sequel, Sonic viene affiancato da Tales e dal minaccioso Knuckles, a dimostrazione di quanto la saga abbia tanta voglia di esplorare la mitologia del riccio blu targato SEGA. Così ecco una gran bella avventura, che nella sua semplicità e col suo spirito scanzonato riesce a mettere d’accordo tutti. Sonic 2 è davvero un bell’esempio di cinema per ragazzi dal retrogusto quasi anni Novanta.

33. La figlia oscura

Debutto dietro la macchina da presa di Maggie Gyllenhaal, La figlia oscura è tratto dal romanzo omonimo di Elena Ferrante e racconta la storia – su due diversi piani temporali – di una donna e del suo difficile rapporto con la maternità. Leda (Olivia Colman), una ricercatrice universitaria molto conosciuta, arriva per le vacanze in una località balneare greca, dove ha affittato un piccolo appartamento. Lì incontrerà una famiglia molto numerosa e resterà particolarmente colpita da una giovane madre, Nina (Dakota Johnson), molto legata a sua figlia. Il confronto con Nina porterà alla luce, per Leda, dolorosi ricordi, e la costringerà a venire a patti con il suo passato. Quando era molto giovane, infatti, la donna ha abbandonato per un periodo le proprie figlie, dando priorità alla sua carriera professionale. Un racconto che tocca corde molto delicate ma che stimola il dibattito su temi molto importanti, come quello del ruolo della donna nella società di oggi.

34. Animali Fantastici – I segreti di Silente

Terzo film della saga legata al mondo di Harry Potter, Animali Fantastici – i segreti di Silente ha ricevuto un’accoglienza più tiepida rispetto al primo film, anche a causa delle spiacevoli controversie nelle quali sono incappati l’autrice J.K. Rowling (per le sue esternazioni transfobiche sui social) e la star Johnny Depp, sostituito dal collega Mads Mikkelsen nel ruolo di Gellert Grindelwald, in seguito alle dure battaglie legali tra lui e l’ex moglie Amber Heard.
Il film, che vede nuovamente Eddie Redmayne nel ruolo di Newt Scamander, è incentrato sulla lotta tra Silente (Jude Law) e il mago oscuro Grindelwald, il cui potere potrebbe compromettere gli equilibri del mondo magico. Nel cast troviamo Dan Fogler, Katherine Waterston ed Ezra Miller, anche lui coinvolto in spiacevoli episodi di cronaca nel periodo in cui il film è in sala. Qualcuno deve aver scagliato uno strano incantesimo su questo film…
A proposito, se vi è venuta voglia di tornare alle origini della saga, perché non provate a recuperare tutti i film di Harry Potter in ordine?

35. The Lost City

Una scrittrice di romanzi rosa d’avventura viene sequestrata da un eccentrico magnate alla ricerca di un tesoro perduto. Al fianco dell’autrice, ecco un alleato speciale: il modello delle sue copertine. Cosa potrebbe andare storto? Più o meno tutto. The Lost City parte da una premessa più simpatica del film stesso, che punta tutto sull’alchimia tra Sandra Bullock e Channing Tatum, che però non sono proprio affiatatissimi. Le gag funzionano a tratti, il che rende The Lost City un film che procede a fiammate, incerto tra l’avventura sincera e la parodia. Tra qualche alto (i cameo di Brad Pitt e Daniel Radcliffe) e molti bassi, questo film è una specie di giostra di cui non rimane impresso molto una volta tornati a terra.

36. Finale a sorpresa

Diretto da Mariano Cohn e Gastón Duprat e con protagonisti Penélope Cruz, Antonio Banderas e Oscar Martínez, Finale a sorpresa è una pungente commedia sull’accesa rivalità tra due attori completamente agli antipodi ma accomunati da un ego smisurato. La vanesia star hollywoodiana Félix (Banderas) e il serioso attore teatrale Iván (Martínez) vengono scelti dalla rinomata quanto eccentrica regista Lola Cuevas (Cruz) per prendere parte a un capolavoro cinematografico finanziato da un imprenditore assetato di gloria. Per gestire due personalità tanto diverse e desiderose di mettersi in mostra, Lola Cuevas sottoporrà i due interpreti a una serie di prove bizzarre capaci di gettare ancor più benzina sul fuoco sulla loro rivalità. Il risultato è un film divertentissimo in cui i piani di realtà e finzione si mescolano in continuazione.

37. The Northman

Per il suo terzo lavoro, il regista Robert Eggers affonda le mani nella mitologia scandinava e porta sullo schermo il mito pre shakespeariano di Amleto scritto dallo storico medievale danese Saxo Grammaticus. Ambientato nell’Islanda del X secolo, infatti, The Northman segue le vicende del principe vichingo Amleth (Alexander Skarsgård), in cerca di vendetta per l’omicidio del padre avvenuto per mano dello zio quando egli era solo un ragazzo. Ad aiutarlo nel compimento del suo destino sarà Olga, una donna slava ridotta in schiavitù e interpretata nel film da Anya Taylor-Joy. The Northman, in cui accuratezza storica e mito si fondono fino a non sapere più dove finisce uno e inizia l’altro, ha il grande merito di fornire un ritratto del popolo vichingo così come non lo abbiamo mai visto, un’immagine ben lontana da quella stereotipata e romanzata a cui cinema e televisione hanno abituato lo spettatore.

38. Downton Abbey II: Una nuova era

Il cast dell’amatissima serie televisiva britannica torna ancora una volta sul grande schermo per un secondo film dal titolo Downtown Abbey II – Una nuova era. In questo nuovo capitolo, la contessa Violet Crawley (Maggie Smith) scopre di avere ereditato una villa in Costa Azzurra da un nobile francese di cui la famiglia ignorava l’esistenza. Parte dei Crawley partono, quindi, alla volta della riviera francese mentre, gli altri, devono rimanere nello Yorkshire: una compagnia di produzione cinematografica ha, infatti, affittato la villa per i mesi estivi. In Downtown Abbey II – Una nuova era ritroviamo l’umorismo e le battute sfolgoranti tipiche della serie tv alternati a momenti struggenti e drammi personali.

39. Doctor Strange nel Multiverso della Follia

In questo nuovo capitolo dedicato alle avventure di Doctor Strange, che vede il ritorno alla regia di un cinecomic Sam Raimi, veniamo catapultati in un multiverso folle, in certi momenti coloratissimo in altri dark ed inquietate. In Doctor Strange nel Multiverso della Follia, Stephen Strange (Benedict Cumberbatch) dovrà proteggere la giovane America Chavez (Xochitl Gomez), una ragazzina dagli straordinari poteri, dalle mire di Wanda/Scarlet Witch (Elizabeth Olsen), che vorrebbe sfruttarne le doti. Un viaggio tra universi e realtà alternative che lascerà lo spettatore letteralmente senza fiato.

40. Cip & Ciop agenti speciali

La coppia di scoiattolini più amata del mondo torna per una nuova divertentissima avventura in una pellicola a tecnica mista diretta da Achiva Schaffer. Trent’anni dopo la cancellazione della loro serie animata, Cip e Ciop trascorrono due vite completamente diverse e, soprattutto, separate: il primo è un venditore di assicurazioni di successo, il secondo, dopo essersi sottoposto a un intervento di “chirurgia CGI”, passa il suo tempo cercando di rievocare i bei tempi andati. Quando, però, il loro ex compagno di cast Monterey Jack – un indimenticabile topo robusto e dai lunghi baffi – viene rapito, i due scoiattoli uniranno di nuovo le proprie forze per salvare l’amico in difficoltà e tornare finalmente a essere Cip & Ciop agenti speciali.

41. Esterno notte

Esterno Notte è uno dei migliori film di Marco Bellocchio, attraverso il quale il regista, a vent’anni da Buongiorno, Notte, è tornato a raccontare le circostanze del sequestro e dell’uccisione di Moro da parte delle Brigate Rosse. Stavolta Bellocchio si affida a Fabrizio Gifuni, che offre un’interpretazione convincente del presidente della Democrazia Cristiana, e cambia prospettiva sulla storia. Esterno notte è più fedele alla realtà storica (nonostante si prenda qualche libertà narrativa) ma soprattutto racconta il caso Moro dal punto di vista di coloro che lo hanno vissuto “esternamente”, dai politici dell’epoca ai familiari dello statista rapito.
L’ultimo lavoro di Bellocchio è anche uno dei migliori film su Aldo Moro e ha ricevuto un’accoglienza favorevole dalla critica. Nel cast, oltre a Gifuni, figurano Margherita Buy, Toni Servillo e Faysti Ryssi Alesi.

42. Nostalgia

Nostalgia è un film italiano diretto da Mario Martone e tratto da un romanzo di Ermanno Rea, che è stato presentato al Festival di Cannes 2022. Pierfrancesco Favino è il protagonista del film, Felice Lasco, un uomo benestante e affermato che, dopo aver vissuto molti anni al Cairo, torna a Napoli, nel quartiere Sanità, dove è cresciuto e dove vive ancora sua madre. Felice resterà a Napoli più a lungo del previsto e si confronterà col suo passato e soprattutto con l’amico Oreste (Tommaso Ragno), con i quale ha mantenuto un rapporto d’amicizia a distanza, nonostante abbia definitivamente abbracciato un’esistenza criminale. Sul quartiere Sanità, Pierfrancesco Favino ha detto: “Quando abbiamo iniziato a girare il film in quel posto che, anni prima, avevo visitato da turista con la Lonely Planet che metteva in guardia: “state attenti, fatevi accompagnare, non avventuratevi da soli” mi sono ritrovato a dover bussare alla porta delle persone per chiedere se potevo andare in bagno e a trovare sempre pronta dopo, sul tavolo della cucina, una tazzina di caffè ad aspettarmi.”

43. Top Gun: Maverick

Top Gun: Maverick è il seguito di Top Gun, uno dei film belli degli anni ’80, un vero cult che a suo tempo contribuì ad aggiungere un tassello fondamentale nella carriera di Tom Cruise.
In questo Top Gun 2 diretto da Joseph Kosinski, Tom Cruise riprende il ruolo di Pete “Maverick” Mitchell, che oggi collauda aerei segreti per conto della Marina, ma a causa di circostanze che non vi anticipiamo, tornerà alla scuola Top Gun. Il carisma e il fascino di Tom Cruise sono quelli di sempre, nonostante siano passati 34 anni dal primo Top Gun e nonostante qualche voce poco rassicurante sul conto dell’attore. Accanto a Tom c’è un cast di attori tutto nuovo, formato da Miles Teller, Jennifer Connelly, Jon Hann, Ed Harris. Ritroviamo Val Kilmer, recentemente afflitto da gravi problemi di salute, nel ruolo di Iceman. Top Gun: Maverick ha ricevuto un’ottima accoglienza da parte della critica e dal pubblico, sia per il carisma del suo protagonista principale, sia per le incredibili scene d’azione che hanno conquistato gli amanti del genere.

2 commenti

111' Giugno 2, 2022 - 12:13

tutto ok!!?

Rispondi
Pietro Mazzatenta Giugno 9, 2022 - 22:21

ciao

Rispondi

Lascia un commento

* Usando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei dati in questo sito web. Per approfondire: Cookie Policy