LOL – Chi ride è fuori: I momenti più divertenti

di Matteo Maino
0 commento
La foto di gruppo di tutti i concorrenti di LOL - Chi ride è fuori

Si sa che le cose belle, prima o poi, devono finire, ma crediamo di dar voce al pensiero di tutti dicendo che LOL – Chi ride è fuori è davvero finito troppo presto. Sei puntate da mezz’ora per lo show di Amazon Prime Video che ha messo in un’unica stanza dieci comici scatenatissimi, di generazioni diverse. Sei ore di tempo per far ridere gli altri ed eliminarli dal gioco, un’impresa vera con un unico vincitore: il pubblico. Perché LOL – Chi ride è fuori è riuscito, nella sua breve durata, a dare esattamente quella spensieratezza e quel divertimento di cui si aveva necessità. Un grande successo per la piattaforma streaming  (e chissà se arriverà una seconda edizione del programma) che ha regalato alcuni momenti da albo d’oro della comicità. Nonostante la difficoltà di improvvisare in un mondo che richiede esercizi e prove, i dieci concorrenti sono riusciti a centrare il bersaglio più volte. Ecco i momenti più divertenti di LOL – Chi ride è fuori, rigorosamente senza spoiler.

1 – L’ingresso di Elio

Nella prima puntata i dieci concorrenti sono entrati uno alla volta nella stanza-teatro, ognuno portando uno zaino con alcuni oggetti di scena. Ma il decimo e ultimo concorrente a entrare ha sorpreso tutti. L’ingresso di Elio è uno dei primi momenti indimenticabili di LOL – Chi ride è fuori: vestito da Monna Lisa, con tanto di cornice appresso, con i capelli lunghi e una lunga tunica, Elio dimostra di essere già un passo avanti rispetto agli avversari. Impossibile non riuscire a ridere, anche solo a vederlo. 

2 – Ciro apre le danze

Ciro dei The Jackal, a pochi minuti dall’inizio della sfida, decide di non perdere tempo e apre le danze, letteralmente. Sale sul palco e, mentre tutti gli altri cercavano ancora di trovare una dimensione confortevole, si mette a ballare nascondendo un braccio sotto alla felpa. Inutile dire che riesce a mettere subito a dura prova gli avversari in un momento che spiazza ed è già diventato cult. In questi giorni, sui social, molti spettatori stanno replicando la scena come omaggio verso l’originale. 

Volete il costume da dinosauro che usa Ciro sul palco? Lo trovate su Amazon.it

3 – Angelo Pintus imita Cannavacciuolo

Sarà un’arma che replicherà spesso (e che gli costerà anche il primo cartellino giallo successivamente): Angelo Pintus sa imitare perfettamente la voce dello chef Antonino Cannavacciuolo. Prima immaginandolo come speaker di una serata in discoteca, poi usandolo a sorpresa durante la replica di una celebre scena del film Harry ti presento Sally, la sua imitazione mette a dura prova la faccia da poker dei colleghi. Anche per noi spettatori è difficilissimo non immaginare il vero Cannavacciuolo dire quelle frasi. 

4 – Fru si elimina da solo

Una delle immagini più memorabili di LOL – Chi ride è fuori avviene durante la prima eliminazione del gioco. Già ammonito una volta, Fru non resiste alle sue stesse battute e si elimina da solo. Ciò che rende indimenticabile questo momento non è tanto l’uscita del comico, ma il come avviene. Facendo finta di scendere delle scale fittizie, accucciandosi a poco a poco dietro al divano, Fru si sente così soddisfatto di sé stesso che non può fare a meno di sorridere, fiero del suo talento. 

5 – Elio ha quattro braccia

Stanco di tenere la cornice del quadro sulle spalle, Elio decide di liberarsi del complesso accessorio. Colpo di scena: si scopre che Elio in realtà ha quattro braccia. Nascoste fino a quel momento dal quadro, due braccia finte posizionate come quelle della Gioconda fanno parte del costume rendendo il tutto ancora più assurdo. Come avrà modo di dire Caterina Guzzanti, Elio sembra una strana creatura mitologica. 

6 – Il profilo migliore di Lillo

Si sa, tutti noi abbiamo un profilo buono e uno meno fotogenico. È dello stesso parere Lillo che ne dà una dimostrazione in diretta, giocando con le espressioni facciali, in maniera improvvisa. Un semplice momento comico che, però, mette a dura prova i concorrenti che non si aspettavano minimamente questo volto. Per esorcizzare il momento cercheranno di stare al gioco, ma la difficoltà è evidente. 

7 – Il tip-tap di Elio

Forse il momento più incredibile di tutta la serie, una vera e propria prova di resistenza. Interessato a dimostrare il suo percorso artistico, Elio va sul palco della stanza, prima suonando il flauto traverso (due note sul tema musicale di Popeye, un altro momento di straordinaria comicità) e poi iniziando a ballare un infinito tip-tap. Quando sembra concludersi, la musica prosegue e così prosegue il ballerino a quattro braccia, girando intorno alla stanza. I concorrenti dovranno compiere l’impossibile per non ridere. 

8 – Frank Matano risponde a Pintus

Cos’è il genio comico se non fantasia, intuizione, decisione e velocità di esecuzione? Durante il monologo di Michela Giraud, dopo una battuta sulle enormi “capacità” del suo fidanzato, Pintus si rivolge a Frank Matano con una considerazione. Sottovoce, Matano gli risponde in maniera secca e seria, con una battuta così centrata e inaspettata che non può lasciare indifferenti. Se non lo stesso Pintus, che riesce incredibilmente a rimanere serio, anche se lo sforzo – lo vediamo – è notevole. 

Volete anche voi il tubo sonoro che usa Frank Matano durante la trasmissione? Lo trovate su Amazon.it.

9 – Posaman

Se per pochi minuti Ciro diventa Patman, il supereroe che dà conforto, e Matano l’Uomo Formica (senza il minimo senso, a dire il vero), Lillo trova la perfezione nel dare vita a Posaman il cui super-potere è quello di avere ben sei pose diverse da mostrare quando viene chiamato. Una comicità di una semplicità disarmante, eppure funziona. Dentro al costume per parecchio tempo, le mosse di Posaman sono presto diventate un tormentone dentro e fuori dal gioco. 

10 – Ciro e Michela Giraud, amanti robot

Uno dei momenti più assurdi e divertenti è stato vedere Ciro e Michela Giraud nei panni di due amanti robot che sono intenti a copulare… a colpi di trapano. Un momento di geniale comicità dove il trapano replicava i rumori degli ingranaggi e dava un ritmo particolare al formale e distaccato amplesso. Bisognerebbe cercare di non ridere, ma vi avvisiamo: è una sfida persa in partenza. 

11 – L’asta coi lottatori di sumo

Ciro e Frank dovevano indossare un costume da lottatori di sumo evidentemente per lottare tra loro, ma i piani cambiano in fretta. Giocando con l’assurdità e il nonsense, i due decidono di diventare banditori d’asta “ma sumo“. In palio il quadro della Gioconda impersonato da Elio che, inizialmente, non sembra trovare i favori dei compratori. Alla fine, se lo aggiudicherà Lillo per qualche milione di euro, ma il momento è davvero esilarante. 

12 – Frank intervista Lillo/Brad Pitt e Ciro traduce

La quinta puntata si apre con un momento di puro show. Frank Matano decide di intervistare Brad Pitt (impersonato da Lillo) a cui si unisce, nascosto e dietro le spalle del comico, Ciro dei The Jackal che decide di doppiare l’improbabile inglese delle risposte. Una triade di comici nel pieno dell’improvvisazione, capace di raggiungere vette comiche impreviste. 

12 – Il gioco del silenzio

Tutti in cerchio per tre infiniti minuti, a guardarsi negli occhi senza dire la benché minima parola. Un gioco antico ma che, in questa dimensione, acquista tutto un sapore più combattivo e terrificante. Tra chi prova a resistere con una pazienza quasi zen, chi cerca di giocarsi un asso nella manica e approfittare della situazione e chi, invece, si limita a fissare con occhi stralunati, questi tre minuti sono uno dei momenti più divertenti della quinta puntata. 

13 – Elio insegue Frank col microfono

Un minuto di pura tortura quello che Elio infligge a Frank mentre stanno attendendo uno sketch di Katia. Con un microfono capace di distorcere la voce, Elio inizia a pronunciare monosillabi ripetitivi, inseguendo Frank in lungo e in larga per la stanza e portandolo al limite. Un momento che metterà fine alla quinta puntata, ma che sarà ricordato subito dopo, quando Frank avrà la sua vendetta ai danni di Elio. 

Volete il microfono che usa Elio per tormentare Frank Matano? Lo trovate su Amazon.it

14 – Katia come Barbie Tris di Primi

Da perfetta spalla comica a vera e propria protagonista. È arrivato il momento per Katia di salire sul palco. La comica lombarda decide di impersonare una Barbie atipica, dal nome di Barbie Tre Pasti e sin da subito entra nel personaggio… non muovendosi! Dovrà farsi aiutare dagli altri concorrenti per salire sul palco, mettendoli a dura prova.

15 – L’ingresso di Mara Maionchi

Una cosa è certa: nella stanza di LOL – Chi ride è fuori l’imprevisto è sempre dietro l’angolo. Ed è così che i concorrenti rimasti in gara dovranno resistere (a fatica, complice il tour de force appena trascorso) all’ingresso in scena di Mara Maionchi che, con poche frasi, belle pregne di volgarità e schiettezza come solo lei sa fare, è capace di regalare uno dei momenti più alti dell’edizione.  

15 – Lillo si veste da Fedez

Nell’anarchia degli ultimi minuti, Lillo decide di giocarsi un ultimo asso nella manica per far ridere i concorrenti rimasti e ripropone un tormentone sotto le mentite spoglie di Fedez. Un altro grande momento cult su cui è impossibile rimanere seri. A patto che non siate tra i concorrenti del programma, s’intende. 

Lascia un commento

* Usando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei dati in questo sito web. Per approfondire: Cookie Policy