Le migliori frasi di Gomorra

di Redazione IlMeglioDiTutto.it
0 commento
Gomorra 5

Gomorra la serie è entrata nell’immaginario collettivo con le sue storie tragiche, intrise di sangue, potere, con i suoi personaggi iconici, spesso destinati ad un’uscita di scena brutale. Allo stesso modo però, la serie Sky Original tratta dall’omonimo bestseller di Roberto Saviano, giunta alla stagione finale dopo cinque capitoli, sarà ricordata per i dialoghi e le battute, anche se il napoletano parlato dai protagonisti è una versione più dura e “sporca” del dialetto parlato nel capoluogo della Campania. Ne approfittiamo per rievocare le migliori frasi di Gomorra, da quelle che potreste aver dimenticato a quelle più famose, che oggi sono stampate anche sulle t-shirt e i gadget dei fan. 

Prima stagione

Gomorra: Maria Pia Calzone è Imma Savastano

Gomorra, prima stagione: Maria Pia Calzone è Donna Imma Savastano.

“Deux fritures” – Salvatore Conte

“Mammà, tu avisse partecipa’ a ‘nu programma ‘e cucina dint’ ‘a televisione!” – Salvatore Conte

“Te veco cchiù selvaggia, cchiù leonessa!” – Pietro Savastano a sua moglie Imma

“Genna’, tu si figlio a me! Nun tiene bisogno ‘e possibilità!” – Don Pietro Savastano a Genny

“Nun fa male!” – Attilio a Ciro, prima di morire

“Je ‘o saccio che state penzanno! Voi dividete il mondo in quelli che non uccidono e in quelli che uccidono, e vi pensate che siccome io sono una femmina appartengo alla prima categoria, e ve sbagliate.” – Imma Savastano

“L’omm che po’ fa a mmen e tutt cos, nun ten paura e niente!” – Salvatore Conte

“Sti cazze ‘e russe: stanne chine ‘e sorde e cattiveria… e se penzano ca basta chello pe’ cumanna’… e se penzano malamente, ce vo’ chesto! (si indica la testa) Tengono ancora ‘nu sacco ‘e strada ‘a fa’” – Salvatore Conte

“A guerra, Marì, nun ‘a vince chi è chiù forte, ‘a vince chi è cchiù brav’ a aspetta’. E chest’ nisciuno ‘o ssap’ fa meglio di noi femmine” – Imma Savastano

“A Don Pietro Savastano, come lui ci sta sulament’ Hamsik!” – Zecchinetta

“‘O chiattone? Ma quanno mai, chillo tene a capa’ pe’ spartere ‘e rrecchie!” – Don Salvatore Conte su Gennaro Savastano

“Bevilo! Tutto! Famme capi’ se me pozz’ fida’ e te! Se si’ sul’ un’ ca racconta strunzat’ o se mio figlio e i miei affari ‘e pozz’ mettere ‘mman’ a te!” – Don Pietro a Ciro Di Marzio

“Vien’ accà! Vien’ a te piglia’ ‘o perdono! Vien’accà! È tutt’ appost piccirill’! Tutt’ appost! È fernut’ tutt’ cos’!” – Salvatore Conte a Danielino

“Quando mio figlio era criaturo, io ‘o purtavo sempe a vede’ ‘e scigne, e isso me diceva: “Papà, ma comm’è possibile che degli animali accussì sciem, vogliono fare quello che fanno i cristiani?” ‘E scigne so’ belle quando fanno quello che dice il padrone, pecché se vogliono comandare da sole, diventano pericolose, s’anna abbattere!” – Don Pietro Savastano

Seconda stagione

Gomorra 2: Marco Palvetti è Salvatore Conte

Gomorra 2: Marco Palvetti è Don Salvatore Conte.

“Oggi è nu grande juorno. Amm’ battezzat’ n’alleanza nova, addo’ se pigliano ‘e decisioni assieme. Je accatto ‘a robb’ pe tutt’quant’ ma ognuno è ‘o rre a casa soja. Amm’ fatto gli Stati Uniti di Scampia-Secongliano” – Salvatore Conte

“E muort’ so assaje : tutt e muort ca m’aggj lasciat aret e spall’… me ven’n a cercà ‘a notte, alluccano, nun me rann pace. È ppe ‘cchest, ca ij nun pozz accir’r cchiù: chest è a differenz’ tra iss e me…” – Ciro Di Marzio

“‘Na iena è meglio! ‘A pantera è bella assaje, ma nun conta ‘nu cazzo! Invece ‘mmiezz’ ê jene a cummanna’ song’ ‘e femmene!” – Scianel

“Aggio campato tutta ‘a vita mia c’a morte vicino a mme! Nun tengo paura ‘e muri’!” – Ciro Di Marzio

“‘O sang’ se mastica ma nun se sputa.” – Pietro Savastano

“‘A democrazia nun funziona, pecché i cani si mangiano tra di loro si nun ce sta ‘o bastone.” – Don Pietro

“O scialatiello ‘o ssai comme se fa? Cu ‘e frutt’ ‘e mare… e po’ ce vo’ ‘o cucchiaro.” – Pietro Savastano a Patrizia

“C’e mai penzat’ Cirù? ‘O serpent, sta semp’ cu ‘a Maronn… e maie cu Gesù. Sul ess’ sape chell ca s’adda fa’: c’o per, ‘o ten ferm n’terr… senza bisogno r’o scamazzà. E pur’i vulev fa’ accussì cu te, ma i nun song’ a Maronn, però…” – Salvatore Conte a Ciro Di Marzio

“O saje chi song ij? Ij so Scianel.. o saje pecchè me chiammano accussì? Pecchè ne capisco assaj’e e prufum: e tu puzz già e muort” – Scianel

“A gente ce piac’ e parlà, ma nun semp’ ‘o sap fa’” – Salvatore Conte

“Salvatore nun beve, nun fuma e nun fa’ ammore: le piace a fa ‘a penitenza.” – Nina

“Saje che sì tu? N’anima bbona ch’è caduta dinto a ‘na capa storta!” – Azmera a ‘o Principe

“Facimm pesc e pesc!” – ‘o Mulatto a Nina

“A vuo’ sape’ ‘a verità, nennè? ‘E femmene nun so’ fatte pe’ fa’ ‘e mugliere. È un mestiere difficile assaje, ma c’o fanno ‘mpara’. E che ti credi, che nun me fosse piaciuto pure a mme, a me fa’ ‘na vita mia, ‘e cazzi miei? Io so’ sempe stata ‘na femmena libbera, ma a forza ‘e carocchie m’hanno fatto cala’ ‘e ‘scelle: a finale so’ stata ‘na brava mugliera e ‘na buona mamma. Puo’ impara’ pure tu. Marine’, ce sta sultanto ‘na manera pe’ ‘na femmena si o vero vo’ essere libera: nun adda tene’ nisciuno marito.” – Scianel a Marinella, moglie di suo figlio Lello

“Guagliù! Je nunn’aggio fatto ‘o pazzo tutto ‘stu tiempo pe’ me fa piglia’ o pe’ me fa spara’. Je mo me n’aggia i’ a cca… ma a Napule, da chisto momento vuje site l’uocchie… ‘e mmane… ‘o core… e ‘a rabbia mia! E ve pozzo assicura’ ‘na cosa: ce ripigliammo tutto chillo ch’era ‘o nuostro!” – Pietro Savastano

“Pecché je penso ca chi cumanna nun s’adda maje scurda’ ‘na cosa: ‘o potere sujo sta dint’ê mmane ‘e chille ca stanno sotto a isso.” – Ciro Di Marzio

“Fa’ ‘a brava!” – Ciro a sua figlia Mariarita

Terza stagione

Gomorra 3: Cristina Donadio è Scianel

Gomorra 3: Cristina Donadio è la boss Annalisa Magliocca, detta Scianel.

“Si vuo’ campa’ mmiez ‘a via ‘e ‘a sta’ semp ‘nu passo annanz’ rispetto a chi te sta ‘ncuoll'” – Ciro

“Si ‘nu juorno t’avessa veni’ ‘a nostalgia, ricuordate c’a pizza meglio ‘e Napule ‘a facimmo nuje a Furcella” – Sangue Blu a Ciro

Genny: “Tu ‘o ssaje pecché a Ciruzzo ‘o chiammano L’Immortale?”
Sangue Blu: “Pecché mmiezzo a tre guerre nisciuno è stato cazzo d’o accapputtà!
Genny: “No! Pecché teneva ventune juorne quanno venette ‘o terremoto c’atterraie ‘a madre e ‘o padre. Pienze, dint’a nu palazzo ‘e trenta persone, isso è ll’unico ca è rimasto vivo. Mo si tu te pienze d’essere ‘o terremoto ca l’ atterra, primma te l’e vede’ cu mme!”
Sangue Blu: “Je so’ figlio ‘e Re comm’a tte, ma comm’a Ciro so stato cresciuto comm’a n’orfano. Ci chiammano figlie ‘e fantasmi pecché ‘e patemo e tutte ll’uommene d’a famiglia nosta, ‘e Confederate nun c’hanno fatte truva’ manco ‘e corpe.”

“Tu nun si’ ommo, Carme’!”
“È chello c’aggio fatto: l’ommo. L’ommo e ‘a mamma, primma pe’ tte e mo l’aggia continua’ a ffa’ pure pe’ Cosimino, pecché tu ‘ncapa tienne ‘o ggas.” – Sangue Blu a sua sorella Carmela

“Dimme na cosa, o Ge’, secondo te Avitabile è na femmena? E comme sfaccimma t’è venuto ‘ncapa ca t’o putive chiava’?” – ‘o Crezi a Gennaro

“Eh, ma mo cca a Secondigliano ‘o mmeglio business ca ce sta nunn’è ‘a droga, ma ‘a famm’. E nuje chesta famm’ l’amm’ ‘a fa frutta’.” – Genny Savastano

“‘A mmerda sott’acqua nun se vede.” – Scianel

“‘A vita è comm’o poker: je aggi’ ‘a sempe ji’ a vede’” – Scianel

“‘O ssaje comme se dice? ‘A peggio zoccola è chella ca t’attacca ‘e piattole e po te fotte n’ata vota. Comme faje tu.” – Scianel a Gennaro

“A patemo nun l’ha accis Ciro Di Marzio. L’ha accis o’ vvelen ca tenimm tutt quant n’cuorp. Nuje o sapimme ca ce sta, ma nun o putimme sputà for.” – Gennaro Savastano

“Sulo quanno te toccan ‘o sang se ver chi si’ overament. Io l’agg visto e iss ha vist a me. Perciò iss è cchiù d’o sang mio” – Gennaro Savastano a Patrizia, parlando di Ciro

“Io nun m’ fido cchiù e me stesso … però ‘e te sì, Cirù!” – Genny a Ciro

Genny: “‘O ssaje come se dice, Malammo’? Ca ‘o viceré prima o poi diventa ‘o peggio nemico d’o rre.”
Malammore: “Se dice pure ca ‘o funerale d’o rre, l’unico ca nun chiagne è ‘o figlio.”

Sangueblu: “Iss c’ha dato sulo ll’arme e ‘a rrobba. Intanto po’ è grazie a isso ca chelle mmerde fanno ‘o giallo.” (riferendosi a Ciro)
Carmela: “Agg’ capito: iss fa ‘a coreografia e tu abballe, accussì si coccosa va stuorto ‘a folla sta ‘e piere ‘ro lietto tuojo.”
Sangueblu: “Nun è juta a ferni’ accussì, Carme’.”
Carmela: “E si sta guerra ‘a vincimmo che succede? Se fa pavà tutta ‘a coreografia o s’accatta ‘o teatro sano?”

Sangue Blu: “‘O Santo diceva ca sulo ‘a ggente ca nun vale niente s’accire pê sorde! L’uommene vere nun ‘o ffanno.”
Ciro: “‘O problema è capi’ chi è uno e chi è l’ato.”

Genny: “Quanno patemo se pigliaie mmano Secondigliano, all’inizio nun valeva niente, era sulo nu quartiere ‘e mmerda addo’ dinto ce mettevano tutt’a ggente ca l’ati quartiere ‘e Napule Centro nun vulevano. Ma patemo ce vedette coccosa e l’ha fatto diventa’ ‘o cchiù gruosso supermercato dâ droga d’Europa. Ciru’, tu ‘o ssaje comme ce chiamavano int’a l’anni Ottanta chille ‘e Napule Centro?”
Ciro: “‘E scignitelle. Ce trattavano comme animale, ce vulevano dint’e gabbie.”

“Pure ‘e chiattille teneno ‘e ppalle.” – Valerio a Sangue Blu

“Ma si arópp ‘a fàmme toja s’ fà tróppa gross, i t’ stràcc ‘o cór a piètt!” – Gennaro a Sangue Blu

“Io ho passato metà della mia vita a sentire mio padre incazzarsi per i soldi che non c’erano mai e l’altra metà a capire come cazzo funzionano, e sai che ti dico? Che i soldi non valgono un cazzo e come li trovi non è importante. L’unica cosa che conta è che a tua figlia, il giorno in cui papà le ha regalato la macchina non glielo leva più nessuno.” – Gegè

Gennaro Savastano: “Nun me dicere maje ca songo nu sconosciuto. Pecché je songo ‘o marito e figlieta, song’ ‘o padre ‘e tuo nipote. E chesta è ‘na cosa ca nun t’e scurdà maje!”
Giuseppe Avitabile: “Si ce sta ‘na cosa ca nun me voglio scurda’, è proprio chesta!

Gennaro: Me pare nu principe. (riferendosi al figlio)
Azzurra: Ma ‘o padre ancora nun è re.

“Chille t’hanno accise nu padre e nun t’hanno lassate manco nu cuorpo ‘a sutterra’. Nuje simmo figlie ‘e fantasmi e ‘e fantasmi nun trovano pace.” – Sangue Blu

‘O sang’ nun se sceglie… ‘e cumpagne sì” – Patrizia a Scianel

“Dint’a vita contano doje cose: ‘a sorte e ‘e cumpagne.” – Sangue Blu a Ciro Di Marzio

“‘O vide stu tavuto, Gennarì? Bello, eh? L’aggio stipato pe mme. Ma c’aggi’a trasì quanno me so fatta vecchia assaje.” – Scianel

“Mammà teneva sidece anne quanno m’ha fatto, io a patemo nun l’aggio maje conosciuto. Songo figlio ‘e nu sbaglio, figlio ‘e nu “malammore”. Io e Don Pietro ce sapevamo da quanno erem’ piccirill, erem’ comme a duje frate. Ma isso è stato comm’a nu pate pe mme. Diceva sempe: “a vita nisciuno c’a regala, c’avimm’ ‘a ji’ a piglia’.” E accussì avimmo fatto, sempre ‘nziemme. Mo nuje però c’amma cumpurta’ buono, tutte quante, perché isso sta ‘cca e guarda tutte cose. Sempe. Sempe.” – Malammore

“O fra’, viene a vede’ a fabbrica ‘do zuccaro, viè! Nuje ‘a tagliammo bbona, sulo nu quarto è munnezza. Sempe meno munnezza ‘e chella ca ce mettono l’ate. Oh, coccheduno ce mette pure ‘o vveleno p’e zoccole. Nuje simmo puriste: sulo fenacetina.”

Quarta stagione

Gomorra 4: Genny e Patrizia

Gomorra 4: Gennaro e Patrizia a confronto (foto di Serena Petricelli)

“Where is my gold?!” – Genny Savastano

“Songhe ‘e sorde ca fanno l’ommo onesto!” – Genny Savastano

“Signò, m’ha cacat’o cazz’ stu juoc” – Genny Savastano

“Ieri notte agg’ vist ‘nu documentario per televisione ‘ngopp all’api. ‘E maschi nun fann nient ra’ matina a’ sera. Si scetano sul quann ‘a madre regina ‘e mmann a chiammà. S’accoppiano uno ‘a vota per ‘na questione ‘e sicurezza, e chiavano accussì assaje ca ce scoppiano ‘e ppall. E po’ moreno. Un appriess a n’ato. Tanto nun servono cchiù a niente.”
– Patrizia a Michelangelo, suo marito

“Tenevo un amico, un fratello. Ogni vvota ca guard’ o mare penso ca iss sta’ llà ‘a qualche parte e me sta guardann.” – Genny Savastano

Patrizia: Chest’ è, Gennà?
Genny: Chest è, Patrì.

“Quann attierr’ a coccrun, attierr a te stesso. Nun è ‘o perdono tuoje ca vac cercann.” – Sangue Blu a Gennaro

“Da oggi Secondigliano è tua: chist è ‘o regalo mio ‘e matrimonio, nun me ‘a da’ cchiù niente. Ma ricordati semp che nun te’ ‘a fida’ mai ‘e nisciuno…” – Gennaro a Patrizia

“Chell ca m’e fatt ‘ngopp a chella barca, nun m’o scordo cchiù.” – Genny a Sangue Blu

“Ce steva n’imperatore, se chiammava Giulio Cesare. O’ ssaje che diceva? Quando c’hai il nemico addosso lo devi anticipare.” – Valerio

“A Secondigliano tratto tutti comm ‘e figli. Ma si’ sbagliano anna pavà.” – Patrizia

Quinta stagione

Gomorra 5: Salvatore Esposito è Gennaro Savastano

Gomorra 5: Genny Savastano (Salvatore Esposito) nella stagione finale.

“Stamm i e te, nziem, fin a fin” – Ciro Di Marzio

“C vulevm magna o munn, ma stu munn sa magnat a nuie” – Genny Savastano

“In guerra vince chi non muore mai” – Sangue Blu

“Hai visto la paura che hanno negli occhi? Loro ci credono veramente che Ciro di Marzio è immortale. Gesù Cristo è morto sulla croce ed è risorto. E lui non era un uomo? Il problema è che quando le bugie fanno l’amore con la paura diventano voci di popolo. E la voce del popolo è la voce di Dio” – ‘o Maestrale.

“Gennaro Savastano è come un re che rivuole indietro la sua corona. E come qualsiasi re, se ne frega di chi sta sotto di lui. È finito il momento di fare gli interessi degli altri, ora dobbiamo pensare a noi.” – ‘o Munaciello

“Si diventato come la persona che hai odiato di più. Si tale e quale a pateto, Gennà” – Azzurra a Genny

“Non dovrai più pensare a nient’altro, se non a tutte le persone che hai amato e che hai ucciso, come me.” – Genny a Ciro

“La vera vendetta è la giustizia” – Magistrato Ruggieri

“Se un amico ti tradisce, è sempre un amico, Ciro?” – Genny Savastano

“La fiducia è una debolezza che nun m’agg mai putut permettere” – Genny Savastano

“A conoscenz ro nemic è a cosa cchiu important. Chest m’ agg mparat bbuon” – Ciro Di Marzio

“Chesta è ‘a differenza fra me e te. E volevo che tu lo capissi. Ca tu può continuà a sentì l’addore r’a carn e tuo figlio. Iatevenn” – Ciro Di Marzio a Genny e Azzurra, nel finale

 

 

 

Lascia un commento

* Usando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei dati in questo sito web. Per approfondire: Cookie Policy